Formula 1 – Gran Premio del Brasile 2017: Analisi tracciato e favoriti

Venerdì 10 20 Novembre17 ore 22:39

I nostri consigli in vista del Gran Premio del Brasile

di Giovanni Carta

 

ANALISI DEL TRACCIATO

Per la diciannovesima prova del Campionato del Mondo F1 2017 il circus arriva a San Paolo, per disputare il Gran Premio del  Brasile. Il tracciato, intitolato al pilota carioca Carlos Pace, si trova nel sobborgo di Interlagos  e si snoda nei suoi 4309 metri di lunghezza, venendo percorso in senso anti orario. Possiamo definire il tracciato brasiliano come un circuito a medio carico aerodinamico , un mix di curve variegate, decisamente più veloci quelle nel primo settore in particolare la famosa curva do Sol, perlopiù lente invece quelle  concentrate nel tecnico secondo settore. Il tracciato presenta pure due rettilinei, il primo quello della traguardo è decisamente importante per le sue peculiarità ovvero pendenza e lunghezza che unite all’altitudine sul livello del mare nel circuito(ben 800 metri) lo rendono decisivo in ottica tempo sul giro. Questo tracciato è stato spesso teatro di gare memorabili, grazie alla sua conformazione, alle condizioni atmosferiche spesso variabili, nonché per la sua posizione strategica nel calendario iridato. Ci sono tutte le condizioni dunque per assistere ad un week end divertente.

EDIZIONI PASSATE

Il circuito di Interlagos è stato spesso ultimo decisivo atto delle sfide iridate, indimenticabili i rocamboleschi titoli conquistati in Brasile da Raikkonen nel 2007, Hamilton nel 2008 e Vettel nel 2012. Per quanto riguarda le vittorie a Interlagos tra i piloti in attività svettano Massa e Vettel con due centri ciascuno. Il brasiliano ha vinto qui nel 2006 e nell’amarissimo 2008, inoltre è riuscito a salire sul podio altre tre volte grazie al secondo posto nel 2007 e i terzi posti nel 2012 e nel 2014. Sebastian Vettel come detto ha vinto un Mondiale rocambolesco ad Interlagos, inoltre ha siglato qui due successi nel 2010 e nel 2013 e altrettanti podi, il secondo posto nel 2011 e il terzo posto su Ferrari nel 2015. Lewis Hamilton e Kimi Raikkonen sono gli altri due piloti in attività ad aver vinto almeno una edizione del Gran Premio del Brasile, l’inglese neo Campione del Mondo della Mercedes  ha vinto nel 2016 ed è salito sul podio in altre tre occasioni ovvero nel 2009, nel 2014 e nel 2015. Kimi Raikkonen ha conquistato iride e vittoria nel 2007, inoltre il finlandese è salito sul podio brasiliano per altre quattro volte . Altro abbonato al podio, senza tuttavia essere mai riuscito a salire sopra quello più alto è sicuramente Fernando Alonso, lo spagnolo infatti ha all’attivo ad Interlagos tre secondi posti e cinque terzi posti. Bene anche Max Verstappen che lo scorso anno è arrivato terzo dopo una gara spaziale sul bagnato.  Da segnalare il cattivo rapporto con la pista brasiliana per Bottas e Ricciardo, il finlandese non è andato oltre il quinto posto in Brasile mentre l’australiano tra tanti ritiri ha come miglior risultato l’ottavo posto dello scorso anno.

FAVORITI E LOTTA PER IL PODIO

Una Mercedes molto competitiva guida la classifica dei tempi delle libere del Gran Premio del Brasile. Lewis Hamilton e Bottas hanno dimostrato di possedere una velocità superiore alla concorrenza  in particolar modo nella simulazione di qualifica. Molto bene anche nel passo gara anche se qui i valori sono apparsi più equilibrati. Bisognerà capire anche l’eventuale comportamento di Hamilton nei confronti di Bottas, ricordiamo che il finlandese è ancora in corsa per il secondo posto iridato, conseguentemente non sarebbe fantascienza un aiuto da parte di Lewis per centrare questo obiettivo.  Ancora una volta è apparsa competitiva la Red Bull, vettura molto ma molto equilibrata e vicinissima alla Mercedes sia con Ricciardo(l’australiano però dovrà scontare dieci posizioni di penalità sulla griglia) che con Verstappen, l’olandese in caso di pioggia potrebbe diventare l’assoluto favorito del fine settimana.  Leggermente più staccata la Ferrari, anche se naturalmente non conosciamo i carichi di benzina del venerdì, Vettel più competitivo di Raikkonen sia nella simulazione qualifica sia nel passo gara. I valori come spesso capita in questo tracciato sono abbastanza livellati, domani assisteremo ad una qualifica tiratissima e domenica ognuno di questi piloti avrà delle reali chances di salire sul podio.

SORPRESE

Assisteremo alla solita bellissima e tiratissima lotta per le posizioni di rincalzo. Force India con Ocon e Perez, Renault con Sainz e Hulkenberg, Massa con la Williams al suo ultimo Gran Premio del Brasile in carriera si giocheranno le posizioni più pregiate alle spalle delle tre migliori scuderie, ovvero Mercedes, Red Bull e Ferrari. Leggermente più staccata la McLaren con Alonso che potrebbe sopravanzare questo gruppo in caso di qualifiche bagnate e Vandoorne  comunque molto vicino al compagno di squadra più blasonato.  Gran Premio in salita per la Toro Rosso, con Hartley e Gasly che saranno penalizzati di diverse posizioni in griglia, davanti a loro quindi scatteranno sicuramente Stroll e Grosjean oltreché le due Sauber di Ericsson e Wherlein. Da segnalare inoltre l’ultimo posto di Giovinazzi su Haas nelle libere, il talento italiano ha preso il posto di Magnussen che ritornerà regolarmente al volante nella giornata di domani.

 


Articoli correlati

Commenta