Formula 1 – Gran Premio di Abu Dhabi 2017: Analisi tracciato e favoriti

Venerdì 24 Novembre 2017 ore 22:49

I nostri consigli in vista del Gran Premio di Abu Dhabi

di Giovanni Carta

ANALISI DEL TRACCIATO

Per la ventesima nonché ultima prova del Campionato del Mondo F1 2017 il circus arriva sull’isola di Yas, per disputare il Gran Premio di Abu Dhabi. Il tracciato, uno dei più recenti disegnati da Hermann Tilke, è più comunemente conosciuto come circuito di Yas Marina, esso si snoda nei suoi 5554 metri di lunghezza e si affronta in senso antiorario. Dal punto di vista della conformazione il tracciato presenta ben 21 curve classificandosi come circuito di medio/medio alto carico aerodinamico, sono presenti anche due lunghi rettilinei che vanno a spezzare le  numerose curve di bassa e media velocità del circuito imponendo alle scuderia una bella sfida a livello di bilanciamento. La gara partirà alle 17 orario locale e si concluderà dopo il tramonto sotto la luce dei riflettori artificiali, conseguentemente le scuderie dovranno fare attenzione all’abbassamento delle temperature oltreché alla gestione ottimale degli pneumatici. Le caratteristiche del tracciato renderanno cruciale la qualifica in quanto è veramente difficile trovare punti di sorpasso puliti.

EDIZIONI PASSATE

Tra i piloti in attività solo in tre sono riusciti a vincere almeno una volta nel circuito di Yas Marina ovverosia Vettel, Hamilton e Kimi Raikkonen.  Il tedesco della Ferrari ha primeggiato per ben tre volte, tutte vittorie ottenute al volante della Red Bull, inoltre ha conquistato altri due terzi posti, l’ultimo lo scorso anno alla guida della Ferrari. Lewis Hamilton ha vinto ugualmente tre edizioni del Gran Premio di Abu Dhabi, due alla guida della Mercedes e una alla guida della McLaren nel 2011, Lewis inoltre ha all’attivo due secondi posti. Kimi Raikkonen ha vinto a Yas Marina una bellissima gara nel 2012 al volante della sua Lotus, il finlandese inoltre è salito sul podio anche nel 2015 agguantando un terzo posto.  Bottas, Massa e Alonso sono gli altri piloti ad aver ottenuto almeno un podio ad Abu Dhabi, il finlandese della Mercedes è arrivato terzo nel 2014 al volante della Williams, il brasiliano alla sua ultima gara di carriera è arrivato invece secondo nel 2014, infine lo spagnolo ha all’attivo un doppio secondo posto consecutivo a Yas Marina alla guida della Ferrari. Per quanto riguarda Ricciardo e Verstappen, entrambi non sono andati oltre il quarto posto come miglior risultato in carriera ad Abu Dhabi.

FAVORITI E LOTTA PER IL PODIO

Seconde prove libere del venerdì come sempre molto interessanti. Lewis Hamilton è stato il più veloce sia nel suo tentativo di giro secco sia nella sua simulazione di passo gara, l’inglese della Mercedes inoltre potrà contare su di un motore molto più fresco rispetto ai suoi principali rivali e si candida quindi come più concreto favorito per pole e vittoria. Molto vicino a Hamilton e tutto sommato felice del suo venerdì il pilota della Ferrari Sebastian Vettel, il tedesco ha braccato l’inglese nel suo tentativo di giro secco e si è dimostrato molto costante e veloce nella simulazione del passo gara, vedremo quindi se domani conterà di più la freschezza del motore di Hamilton oppure il consueto lavoro di miglioramento della scuderia Ferrari durante tutto l’arco del fine settimana. Leggermente più staccati ma comunque assolutamente della partita per la zona podio Ricciardo e Kimi Raikkonen, mentre ancora più in difficoltà sono apparsi Bottas e Verstappen entrambi molto distanti dai rispettivi compagni e alla ricerca del migliore bilanciamento, chissà se riusciranno ad avvicinarsi nella giornata di domani.

SORPRESE

Solita battaglia alle spalle delle migliori tre scuderie del lotto con i soliti attori protagonisti.  Ocon e Perez leggermente più veloci e competitivi di Hulkenberg, Alonso e Massa. Più staccati i rispettivi compagni di scuderia ovvero Sainz, Vandoorne e Stroll . Molto più indietro le due Haas di Magnussen e Grosjean, le due Toro Rosso di Hartley(sarà penalizzato in griglia) e Gasly e le due Sauber di Ericcson e Wherlein.  Nelle dichiarazioni del dopo prove libere sono apparsi molto soddisfatti in casa Renault, quasi sicuri di essere vicinissimi alle due Force India. Positivo pure Fernando Alonso alla sua ultima gara da motorizzato Honda, meno felici invece in casa Haas.


Articoli correlati

Commenta